Inunum Ensemble

È sorto nel 2003 per la divulgazione del repertorio medievale, in particolare la produzione polifonica sacra dal Duecento al Quattrocento; fa capo al Centro Studi Claviere di Vittorio Veneto (TV). I componenti del gruppo provengono da un’ampia formazione accademica, che include la vocalità funzionale, la prassi esecutiva con gli strumenti antichi, la ricerca musicologica. Numerosi i concerti realizzati in luoghi sacri di rilievo artistico e pregnanza spirituale, sino a Bingen, Abtei St. Hildegard (2015). Fra i programmi, Carols: la danza nel repertorio sacro e cerimoniale del tardo Medioevo; Ave, donna santissima; O quam mirabilis: archetipi sonori nel repertorio monodico e polifonico medievale; Il suono mistico; Monos. Alle radici del canto sacro. Unici nel loro genere i programmi multimediali L’invisibile rivelato: il manifestarsi della santità profetica di Ildegarda di Bingen, sulla proiezione integrale delle miniature del Lucca–Kodex (ms. 1942, Biblioteca Statale di Lucca), e Aurea materia, sulla proiezione di miniature dello Scivias–Kodex (Rupertsberg). L’ensemble ha curato la registrazione del CD Divina dulcedo et laudatio annesso alla stampa degli Atti del Convegno Mistica, Musica e Medicina. Ildegarda fra il suo e il nostro tempo (Vittorio Veneto, 22–23 settembre 2012), Treviso, Stamperia della Provincia. È in preparazione un secondo CD, dal titolo Il suono mistico.

torna agli eventi