Newsletter

Note del Timavo Classica – XXXIV Edizione Autunno 2021
Dal 6 settembre al 4 ottobre  2021

Chiesa di S. Giovanni in Tuba
S. Giovanni di Duino – Duino Aurisina (Trieste)

Castello di Colloredo di Monte Albano
Colloredo di M. A. (Udine)

Note del Timavo XXXIV EDIZIONE

lunedì 6 settembre ore 21.00

Massimo Somenzi
pianoforte

lunedì 13 settembre ore 21.00

Daniele Roccato
MINIMA COLLOQUIA
La notte è il luogo dei contorni sfumati, dei colori trasfigurati, del silenzio che sommerge il suono. La notte è il tempo delle muse che indugiano negli spazi resi liberi dallo stupore. Nella notte la tragedia umana è un’operetta messa in scena nella piazza del paese oltre la collina. Nelle notti fortunate la diga del pensiero verbale collassa e irrompe un incontenibile fiume in piena. Nelle notti sacre danza l’impermanenza, l’instabilità, l’inconsistenza.
Daniele Roccato – contrabbasso, live electronics.

sabato 18 settembre ore 21.00

Il concerto e la scienza. Cos’è l’energia?
“L’amor che move il sole e l’altre stelle”
L’umano e le meraviglie del cielo da Dante ai giorni nostri.
Spettacolo dedicato a musica, scienza e astronomia, con riferimenti storici e letterali sul nostro rapporto con l’energia dell’universo.

lunedì 20 settembre ore 21.00

Le Scuole Pianistiche
“L’Accademia di Ljubljana”
Vladimir Mlinarić
pianoforte

mercoledì 22 settembre ore 21.00

Roberto Cominati
Pianoforte

lunedì 27 settembre ore 21.00

Il concerto e la scienza. Cos’è l’energia?
“L’amor che move il sole e l’altre stelle”
L’umano e le meraviglie del cielo da Dante ai giorni nostri.
Spettacolo dedicato a musica, scienza e astronomia, con riferimenti storici e letterali sul nostro rapporto con l’energia dell’universo.

sabato 2 ottobre ore 21.00

Julia Farrés Llonguerassoprano
Massimo Felicichitarra

lunedì 4 ottobre ore 21.00

TRIO D’ARCHI NOFERINI
Roberto Noferini, violino
Anna Noferini, viola e violino
Andrea Noferini, violoncello

Concerti a ingresso libero con prenotazione nel rispetto delle norme anticovid previste Si invita a prenotare al info@puntomusicale.org

Note del Timavo

La Stagione Note del Timavo, nasce nel 1987 presso il suggestivo tempio di S. Giovanni in Tuba, alle foci del fiume Timavo a S. Giovanni di Duino nel Comune di Duino-Aurisina, ma dalla stagione 2004 si è ampliata ed evoluta abbracciando solidamente oltre a vari generi musicali come il jazz ed il Tango, due luoghi della regione quali il Castello di Miramare e il Castello di Colloredo di Monte Albano in provincia di Udine. La manifestazione, ha preso la denominazione di “Note del Timavo nei due castelli“, nell’obiettivo di realizzare un itinerario musicale e storico artistico che articolandosi in due dei più significativi e simbolici castelli della regione Friuli-Venezia Giulia collegasse la popolazione giuliana e friulana attraverso la condivisioni di valori.

Dall’edizione 2005, la rassegna, per la parte riguardante Trieste, è stata ospitata presso il Ridotto del Teatro Verdi, in collaborazione con il teatro stesso, mantenendo la sede del prestigioso castello di Colloredo di Monte Albano, in provincia di Udine, ritenendo lo stesso il luogo ideale, carico di significati,  dove promuovere questa stagione concertistica, ma anche pensando in prospettiva ad una attività musicale di piu’ ampio respiro.

Dal 2006,la manifestazione ha mantenuto la sede storica di S. Giovanni in Tuba (Ts), ed il Castello di Colloredo di Monte Albano (Ud).

Le successive edizioni, hanno visto anche l’introduzione di un “sentiero musicale” comunicato con la parola. Ospiti, il Prof. Maurizio Malaguti, docente di Filosofia Teoretica presso l’ Università di Bologna, con alcuni appuntamenti dedicati all’ontologia della musica ed il Professor Giovanni Pierini, docente di Filosofia della Medicina presso la stessa Università, che ha analizzato la Musica quale Arte del religioso, assieme alla Medicina, nella veste primitiva della Filosofia. Gli incontri hanno il Patrocinio dell’ Alma Mater Studiorum, Università di Bologna.

Note del Timavo è un’occasione d’incontro con alcuni dei personaggi più significativi e conosciuti del panorama musicale classico e jazz.

Si avvale del patrocinio del Ministero dei Beni e le Attività Culturali, e conta su di un notevole successo di pubblico e critica.